Il Blog a 4 Zampe

Il cane al servizio dell’uomo: ricerca, salvataggio e pet therapy

0

Da quando è diventato un animale domestico, il cane è sempre stato un aiuto per l’uomo in tutte le sue attività ed in settori molto vari come la caccia, la vigilanza o la guardia delle greggi.

Nel corso dei secoli però, il cane è diventato molto più di questo: cane eroe le cui prodezze hanno permesso di salvare vite umane; cane da valanga e da traccia per la ricerca di persone disperse; cane da macerie o da salvataggio in mare e così via.

Il cane da valanga

La ricerca su valanghe è una delle rare discipline di soccorso in cui il cane viene richiesto immediatamente.

Il suo fiuto eccezionale, la sua rapidità e la sua tenacia lo rendono protagonista. Il cane fa tuttavia parte di un gruppo che comprende anche sondatori e spalatori. Le unità lavorano simultaneamente ma sono i cani ad avere la priorità in caso di valanga.

Perché i cani vengono mandati avanti? Il fattore tempo è ovviamente essenziale per il soccorso in montagna e più velocemente la valanga viene esplorata, maggiore è la probabilità che i soccorritori trovino superstiti sepolti.

È a questo punto che il ruolo del cane assume tutta la sua importanza: a parità di lavoro (se non addirittura superiore), il cane esplora più rapidamente il terreno.

Il cane da traccia

L’attività del cane da traccia consiste nel ricercare persone a partire da indizi olfattivi più o meno numerosi (tracce, oggetti, presunti indizi); si parla in questo caso di “testimone di odore”.

La missione deve permettere di trovare una o più persone o di individuare qualsiasi oggetto o materiale perduto o nascosto sul percorso o nelle immediate vicinanze, o anche semplicemente di indicare la direzione presa.

Il cane da ricerca

La ricerca è una disciplina che ha lo scopo di ritrovare persone smarrite, senza disporre di un testimone di odore del disperso; ci sono quindi similitudini con l’individuazione della traccia odorosa.

Il cane da salvataggio in acqua

Come in tutte le discipline di salvataggio il cane, grazie alle sue capacità fisiche e alla sua grande volontà, svolge un ruolo essenziale come aiuto ai bagnini e ai soccorritori. Una delle razze maggiormente utilizzate per questa attività, grazie alla sua forza e attitudine a nuotare anche in condizioni di mare agitato è il Terranova.

Il cane da macerie

Dalla fine del secolo scorso, il cane da ricerca di persone sepolte sotto le macerie è diventato un supporto fondamentale per le squadre di soccorso-sgombramento che operano a livello internazionale nelle varie situazioni di catastrofi.

Dall’esplosione di un padiglione al terremoto a una frana di grande entità o al crollo di uno stabile, ogni anno questi cani consentono di salvare centinaia di persone, rischiando la propria vita e quella dei loro padroni; pertanto, deve essergli riservato tutto il rispetto che meritano.

I cani nell’assistenza ai disabili

Tutti i proprietari di un cane possono vantare il suo attaccamento nei loro confronti e gli sforzi che fa per soddisfarli.

Alcuni cani sono stati selezionati per il loro equilibrio mentale e le loro capacità fisiche di aiutare gli esseri umani.

Il cane diventa in questi casi un alleato indispensabile per facilitare la vita di tutti i giorni alle persone che soffrono di un handicap motorio, visivo, auditivo, ecc.

Con la sua presenza, lo sguardo degli altri verso la persona portatrice di handicap cambia, favorendo i contatti sociali.

Il cane diventa inoltre indispensabile al proprietario per riacquistare una certa autonomia.

Questi cani vengono formati sostanzialmente grazie ad associazioni di volontari privati, create da persone appassionate e spesso molto generose.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.