Il Blog a 4 Zampe

Bulldog Francese

0

Il Bulldog Francese è un cane con orecchie da pipistrello e muso da rana è lontano dagli antenati grandi e feroci, che combattevano contro i tori quanto un Bulldog.

Un clown d’indole dolce, è nato per essere un cane da compagnia intrattenitore.

Si adatta bene allo stile di vita moderno, essendo compatto, vivace senza essere turbolento, di natura tranquilla e con un pelo pratico e scarse esigenze di moto.

È un cane molto socievole e affettuoso, ha bisogno di compagnia e odia essere escluso dalle attività familiari.

Più dinamico di quanto non sembri, non è fatto per uno stile di vita troppo attivo: troppo moto provoca le difficoltà respiratorie comuni al muso corto.

Malgrado il suo nome, è originario dell’Inghilterra come sottoprodotto involontario dei programmi di allevamento di bulldog del XIX secolo.

I francesi riconobbero il potenziale di questi cani, che diventarono di moda a Parigi e poi in Europa e negli Stati Uniti.

Carattere e colori del Bulldog Francese

Il Bulldog Francese è vivace, molto affettuoso, intelligente, socievole, gran senso del divertimento, adattabile, adatti alla vita di città.

Il pelo può avere diversi colori sono: pezzato, fulvo o screziato (prevalentemente bianco a macchie marroni).

Ha un mantello pratico: necessita di spazzolature saltuarie (settimanali) per rimuovere il pelo morto (ol pelo corto ha il vantaggio di una muta minima).

Il muso, però, andrebbe pulito ogni giorno con un panno umido, facendo particolare attenzione all’area attorno agli occhi.

Bulldog Francese: vita in famiglia

Ha il temperamento per essere un buon cane di famiglia, ruolo che ama purché i bambini siano abbastanza grandi da rispettare le sue esigenze.

É un compagno davvero divertente per bambini consapevoli. Fisicamente, però, non è adatto a una famiglia troppo attiva e la sua vulnerabilità ai colpi di calore può essere un problema d’estate.

Può essere felice in città o in campagna purché possa godere delle attenzioni del padrone.

Apprezza un giardino in cui giocare, ma ha bisogno d’ombra d’estate. Ovunque viva, dev’essere protetto dalle temperature estreme.

Ha bisogno della compagnia umana, perciò deve avere un padrone che possa passare il tempo con lui: una scelta ideale per pensionati o persone che possono portare il cane al lavoro con loro.

Non è adatto a persone dinamiche che amano lunghe passeggiate o ai fanatici dell’obbedienza, ma è perfetto
per padroni dolci e affettuosi che di un cane apprezzano il carattere e il senso dell’umorismo.

Convivenza con altri animali

La prima socializzazione è importante perché possono essere molto possessivi verso i padroni e considerare gli altri cani dei rivali; alcuni maschi dominanti possono essere molto territoriali.

Detto questo, sono gentili e in genere andranno d’accordo con gli altri animali di casa, anche se possono trovare divertente inseguire i gatti.

Bulldog Francese: movimento

Benché abbia moderate esigenze di moto, il Bulldog Francese ha bisogno di uscite regolari: più o meno mezz’ora due volte al giorno.

Da evitare il moto con il caldo, perché questa razza è soggetta a colpi di calore.

Da adulto può diventare un pantofolaio, il che non giova alla sua salute. I cuccioli sono; in genere molto vivaci e le passeggiate possono essere incrementate gradualmente, dal sesto mese in poi.

Per quanta riguarda l’addrestamento sono piuttosto predisposti, purché non vi aspettiate un’obbedienza formale in stile Border Collie.

Questi cani pensano che la vita debba essere un divertimento e se le lezioni di addestramento vengono impostate come un gioco impareranno velocemente.

Alcuni esemplari hanno persino avuto successo in competizioni di obbedienza.

Bulldog Francese: salute

Come tutti i cani dal muso corto, possono avere difficoltà respiratorie se esposti al calore o al troppo moto e sono soggetti a respiro affannoso e russamento. Hanno tendenza alla flatulenza.

I problemi di respirazione sono inevitabili con le razze a muso corto: evitate troppo moto e colpi di calore.

Altri disturbi: disturbi ai dischi vertebrali, displasia dell’anca e cataratta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.