Il Blog a 4 Zampe

I gatti hanno una preferenza: le donne

0

Un recente studio sui gatti da parte dell’Università di Vienna ha stabilito che le donne sono oggetto di fusa e miagolii tre volte più degli uomini.

Si è sempre detto che il cane è il migliore amico dell’uomo, da oggi possiamo dire che i gatti sono i migliori amici delle donne.

I gatti usano con le padrone tecniche simili a quelle utilizzate dai neonati nei confronti delle mamme.

Tutto ciò è stato pubblicato dalla rivista Behavioural Processes, in seguito ad una ricerca fatta dall’Università di Vienna.

Lo studio dell’Università ha analizzato il comportamento di 41 gatti, studiando l’interazione con i propri padroni, ha effettuato un’analisi statistica e ha determinato anche il carattere del gatto con dei test.

Il risultato di questo studio ha stabilito che le donne sono oggetto di fusa e miagolii tre volte più degli uomini.

La coordinatrice della ricerca, Manuela Weld, sul sito Discovery Channel, ha detto: “I gatti approcciano le padrone più frequentemente saltando loro addosso ad esempio, più di quanto non facciano con i padroni maschi.

Di sicuro il rapporto è più stretto tra le donne e il gatto, qualunque sia il sesso dell’animale”.

L’ambito in cui il gatto utilizza molto di più le sue tecniche ammaliatrici è il cibo; infatti Manuela Weld dice: “Questo tipo di interazione è molto simile a quella che c’è tra un neonato e la mamma, e come in quel caso anche in questo è il cucciolo che comanda”.

Nello studio si continua a leggere: “Un uomo e un gatto sviluppano una serie di complessi che prevedono la comprensione dei bisogni e delle inclinazioni reciproche”.

Però il rapporto tra gatti e padroni non è limitato solo al cibo, infatti lo studio ha dimostrato che il gatto riesce ad influenzare il comportamento dei padroni mediante una serie di gesti come muovere la coda, fare le fusa, ecc.

Sempre più sono gli scienziati che credono che i gatti abbiano la capacità di coercizzare psicologicamente i loro padroni; infatti qualche mese fa, sulla rivista Current Biology, si poteva leggere che i felini riescono a modulare le fusa sulla stessa frequenza dei pianti dei neonati, rendendole anche fastidiose, se hanno una voglia particolare che vorrebbero a tutti i costi soddisfare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.