Solo allevatori di fiducia

0
420

Gli allevatori il cui unico interesse è far soldi guarderanno più alla quantità che alla qualità. Potrebbero vendere cucciolate troppo giovani per lasciare la mamma o far accoppiare cagne malate e mal tenute per sfornare cuccioli che potrebbero non riprendersi mai.

Anche i cuccioli dei negozi di animali sono da evitare: un allevatore a cui non importa dove va a finire il cucciolo difficilmente si sarà preso la briga di allevarlo a dovere. Per partire con il piede giusto, un cucciolo dobebbe andare direttamente dalla famiglia di nascita alla famiglia di adozione senza subire il trauma di un intermediario.

Domande da fare all’allevatore

  • I cuccioli sono stati allevati in casa o in un canile?
  • Hanno avuto modo di socializzare? Sono stati esposti ai rumori quotidiani e alle attività di una casa? (Altrimenti saranno impreparati alla loro nuova vita)
  • Che temperamento hanno i genitori?
  • Sono stati svolti controlli sanitari sulla razza, esami alle anche, gomiti e occhi (se l’allevatore dice che non importa andate altrove)
  • A che età i cuccioli possono lasciare la mamma? (Gli allevatori scrupolosi e attenti non li cederanno prima dei 70 giorni)
  • Quali documenti vengono forniti? Questi dovrebbero comprendere: iscrizione all’anagrafe, pedigree, registrazione di sverminazioni e vaccinazioni, e per alcune razze, una certificazione per i genitori di test ufficiali di controllo anche, gomiti e occhi. Gli allevatori seri di solito forniscono una dieta e consigli anche dopo la vendita.

Un buon allevatore conosce ogni cucciolo e cerca di darlo al padrone adatto. Si interessa anche dove andrà a vivere e non ve lo venderà se non sarà convinto che gli offrirete una dimora adatta e permanente. Gli allevatori responsabili insisteranno per riprendersi il cucciolo se non doveste essere in grado di tenerlo in qualsiasi fase di crescita.

Non comprate un cucciolo se:

  • Non avete visto la mamma e non vi siete assicurati che sia forte, sana e di buon carattere.
  • Il padre o la madre sono maltenuti o hanno un brutto carattere.
  • L’allevatore tiene diverse razze e molte cucciolate: questo indica un’attività a fine di lucro più che un allevatore attento alla loro salute.
  • L’ambiente del cucciolo è sporco e squallido: rivela un livello delle cure scadente.
  • L’allevatore è ignorante o ha scarsa considerazione dell’aspetto sanitario legato all’allevamento.

Il tempo impiegato a scegliere la razza giusta e un buon allevatore non è mai perso.

State scegliendo un compagno che rimarrà con voi per i prossimi dieci o vent’anni: per il suo bene, oltre che per il vostro, dovete farlo in  modo saggio.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteChe cos’è lo standard?
Articolo successivoPechinese